BARCELLONA SENZA GAUDÌ? UNA DOMANDA RETORICA PER SCOPRIRE INSIEME I MONUMENTI PIÙ IMPORTANTI DEL MAESTRO CATALANO

Sagrada Familia, Casa Milà, Casa Battlo, Park Güell. Immaginate una Barcellona senza questi monumenti da visitare, che città sarebbe?

La mia riposta è: non sarebbe Barcellona, una città così colorata, artistica e spettacolare!

Per visitare la Barcellona di Gaudì partite dalle due case, situate in Passeig de Gràcia – il gran viale dove mi piacerebbe in un’altra vita abitare 🙂 .

Da Plaça Catalunya imboccate Passeig de Gràcia e, sulla vostra sinistra troverete la Casa Battlò. 

Una visita che vale senza dubbio l’elevato prezzo d’ingresso (acquistate i biglietti online per evitare ore di fila nei periodi di grande affluenza). La guida comprende la realtà virtuale, grazie alla quale potrete tornare indietro nel tempo agli inizi del 1900 quando la casa era abitata dalla famiglia di Josep Battlò, che commissionò a Gaudì di rimettere a nuovo il palazzo appena acquistato. Diversi piani, un salotto con una vetrata tutta curve e i comignoli, talmente belli e colorati che rimarrete senza parole. Da giugno a settembre scegliete la visita notturna (inizia alle 20) e comprende uno spettacolo di musica dal vivo in terrazza, un’emozione senza precedenti (casabattlo.es).

Continuate su Passeig de Gràcia, sempre lasciandovi la piazza alle spalle, e alla vostra destra incontrate la Casa Milà. Meglio conosciuta come La Pedrera, è Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1984. E’ il monumento trionfo della curva di Gaudì, con balconi in ferro battuto e la facciata in pietra. Vale la visita più per i cortili interni e la terrazza che per gli appartamenti. In caso di maltempo la terrazza viene chiusa, valutate il meteo prima di acquistare i biglietti  (lapredrera.com)

Nel vostro viaggio a Barcellona non può mancare una visita al Park Güell, al quale dedicherò un post più avanti e alla Sagrada Familia, il simbolo per eccellenza della città.

Sogno e tempio di Antonio Gaudì, rimasto incompiuto alla sua morte e ancora in costruzione, la Sagrada è stata pensata già nel 1883 per spiccare in altezza in modo da essere visibile da qualsiasi punto di Barcellona. Proprio per questo l’architetto dotò la chiesa di 18 torri di altezze differenti. Consacrata nel 2010 dal Papa, la Sagrada Familia viene costruita grazie a donazioni volontarie. L’ingresso parte da 15€, anche in questo caso comprate i biglietti prima (sagradafamilia.org).

Da ottobre 2017 sarà possibile visitare per la prima volta dalla sua costruzione (130 anni fa), la prima dimora borghese progettata dall’architetto: casa Vicenç.

Originario di Reus, Gaudì è morto 91 anni fa, nel 1926, investito dal primo tram messo in circolazione in città.

2017-10-27T17:47:01+00:00 10 Lug 2017|Barcelona|